saluto romano è solo memoria

Yoast SEO  | Disattiva |  .. AMEN! ERANO MESI CHE NON MI ACCETTAVA MAI I CODICI DI GOOGLE GMAIL! [ La prima vera soluzione SEO tutto-in-uno per WordPress, comprendente una singola pagina di analisi dei contenuti, sitemap XML e molto altro. FOTTITI! http://noahnephilim.altervista.org/
=========
ATTIVA CON IL CAZZO GOOGLE ADSENSE! http://noahnephilim.altervista.org/
Il tuo livello: Argento
Bravo, hai iniziato a guadagnare con il blog! Associa un account Google AdSense per passare al livello Oro e guadagnare di più. dopo tre mesi: "BRAVO! Associazione completata!", I banner Altervista with Google AdSense sono attivi. IN REALTÀ IL SITO HA FATTO 5,00 EURO
http://noahnephilim.altervista.org/

=========================
TUTTI GLI UTENTI DI: http://noahnephilim.altervista.org/
carmenernest565 allinaballantynefnu@yahoo.com   
chasitymelton1
    chasitymelton1 agataswearingerxhc@yahoo.com   
daisylillico812
    daisylillico812 perrycozart@mailcatch.com   
dewittsons07
    dewittsons07 dewitt.sons97@hammans9.italiancarairbags.com   
evamaude46653381
    evamaude46653381 maudehaire80@checkout.clarized.com   
flgmae670491
    flgmae670491 eolandeladouceurnfh@yahoo.com   
haielliott02286
    haielliott02286 wilfordcorones906@mailcatch.com   
jerilyncasteel
    jerilyncasteel erikapi44v@mail.ru   
kristopherucc
    kristopherucc irvingbrunton1595@mailcatch.com   
leonoremckinney
    leonoremckinney leonoremckinney35@eu.360ezzz.com   
lidap64622582
    lidap64622582 lidacabe@good.clarized.com   
lizettepereira4
    lizettepereira4 aureliagagnon1813@mailcatch.com   
lorenzojhwh-uniusrei
    lorenzojhwh-uniusrei noreply@blogger.com    Sottoscrittore    5050 articoli di questo autore
lucybohannon
    lucybohannon alanfitzwater1797@mailcatch.com   
manuela7339
    manuela7339 tameranorrie8274@mailcatch.com   
mauriciolow39
    mauriciolow39 alya.mikeladze.79@mail.ru   
noahnephilim
    noahnephilim
        lorenzo_scarola@fastwebnet.it    Amministratore    348348 articoli di questo autore
odellfqo981632
    odellfqo981632 odelldibella79@checkout.clarized.com   
PoweredWordpress
    PoweredWordpress infonew@seosupport.home.pl   
solcurnow370
    solcurnow370 barnabasseftickiws@yahoo.com    Sottoscrittore
ulrikequinton6 ngancazaly8134@mailcatch.com   
veroniquew67
    veroniquew67 louisafabro4328@discardmail.com   
winona17c09
    winona17c09 alannahcrosby2908@hidebox.org   
ydrkelley781282
    ydrkelley781282 novellabustard@mailcatch.com
==========================

Consolidamento dell”Asse della Deterrenza’
by sitoaurora

Alessandro Lattanzio, 20/10/2016e5cb8c5263e33bb2e70553723dfb960dAerei da combattimento dell'Aeronautica iraniana effettuavano le manovre aeree Fadaiyan-e-Harim e Velayat-6, abbattendo gli obiettivi volanti con un nuovi missili. I caccia F-5, MiG-29 e Saeqeh (Tuono) lanciavano missili aria-terra contro obiettivi nella provincia centrale di Isfahan, mentre i cacciabombardieri Sukhoj Su-24 colpivano posizioni nemiche simulate con missili aria-superficie Kh-29 e Kh-25 di fabbricazione russa, e caccia F-4 Phantom II attaccavano bersagli terrestri con le versioni aggiornate dei missili Maverick di origine statunitense. L'Aeronautica Militare iraniana impiegava in 3 giorni di esercitazioni militari caccia, cacciabombardieri, aerei da trasporto e da ricognizione, Boeing 707 da aerorifornimento e droni. I cacci F-14 e MiG-29 si esercitavano in operazioni di combattimento e guerra elettronica con i velivoli da guerra elettronica Falcon 50. "In questa fase, le operazioni di disturbo dei radar nemici sono state effettuate con successo utilizzando gli aviogetti da guerra elettronica Falcon 50, creati nell'ambito del programma Sayeh (ombra)", dichiarava il Generale di Brigata Massud Ruzkhosh. L'Iran ha sviluppato l'industria della difesa ottenendo l'autosufficienza nella produzione della maggior parte del materiale per la difesa.
Dal 15 ottobre è in navigazione verso le coste della Siria la portaerei Admiral Kuznetsov della Marina Militare russa, salpata dalla base navale di Severomorsk assieme all'incrociatore lanciamissili a propulsione nucleare Pjotr Velikij, alle grandi navi antisom Severomorsk e Vitzeadmiral Kulakov, alla nave rifornimento Sergej Osipov e al rimorchiatore d’altura Nikolaj Chiker. Al gruppo Kuznetsov si aggiungeranno un sottomarino a propulsione nucleare nel Mar del Nord, le fregate leggere lanciamissili Serpukov e Zeljonij Dol a Gibilterra, e nel Mediterraneo la fregata lanciamissili Admiral Grigorovich, la fregata antisom Pytlivij, la corvetta lanciamissili Mirazh, le navi d'assalto anfibio Tzesar Kunikov e Nikolaj Filchenkov, il cacciamine Ivan Golubets, la nave oceanografica Jantar e un sottomarino convenzionale. Una volta giunta nel Mediterraneo orientale la Kuznetsov si coordinerà con le operazioni aeree dalla base aerea russa di Humaymim. La portaerei russa schiera a bordo 10 caccia multiruolo Su-33 aggiornati con il nuovo sistema di puntamento SVP-24, 4 caccia MiG-29K e una ventina elicotteri d’attacco Kamov Ka-52K, antisom Ka-27 e radar volante (AEW) Ka-31. Tale schieramento navale rafforzerà la deterrenza russa e dell'Asse della Resistenza nei confronti degli sponsor del terrorismo internazionale sul fronte siriano: la NATO e i suoi alleati regionali. Si aggiunga a questo che l'Aeronautica Militare russa ha iniziato la costruzione di una nuova pista nella base aerea T-4 nell'est della provincia di Homs, in Siria, per aumentare le sortite operative contro i terroristi dello SIIL che arrivavano su diversi convogli in fuga dall'operazione per la liberazione della città di Mosul da parte dell'esercito e delle forze popolari iracheni. Il Comando Generale dell'Esercito Arabo Siriano, infatti, aveva dichiarato che Stati Uniti ed Arabia Saudita permettevano ai terroristi dello SIIL di fuggire da Mosul verso Raqqa, nell'ambuto del "piano malvagio" dei sostenitori del terrorismo internazionale avviato dopo l'inizio delle operazioni militari dell'esercito iracheno per liberare Mosul. Il piano provvedeva vie di transito sicure ai terroristi per il territorio siriano, proteggendo i terroristi e aumentarne la presenza sul territorio siriano, nel tentativo d'imporre una nuova realtà militare nelle regioni di Dayr al-Zur, Raqqa e Tadmur. Il Comando Generale dell'Esercito Arabo Siriano dichiarava che la battaglia pe r liberare Mosul e l'Iraq dal terrorismo è anche una sua battaglia, ed avvertiva che considera ogni tentativo d'infiltrarsi in Siria un "attacco alla sovranità della Repubblica Araba Siriana", e che affronterà gli aggressori con tutti i mezzi a disposizione. E difatti, secondo il quotidiano libanese al-Aqbar, "Mentre la Turchia di Erdogan cerca di piazzarsi nella provincia irachena di Niniwa, a Mosul, dove si combatte, dove ha una stretta concertazione con gli statunitensi, i russi preferiscono intervenire prima che i capi dello SIIL arrivino nella Siria orientale. Ciò ha indotto la Russia ad impegnarsi nella battaglia. Secondo le informazioni, lo Stato Maggiore dell'Esercito russo ha avvertito l'Iraq e la coalizione statunitense su ogni tentativo di spingere lo SIIL verso il confine siriano. Secondo le autorità di Baghdad, Mosca collabora ampiamente in questa fase con Baghdad, aiutando l'esercito iracheno a bloccare i capi dei terroristi al confine siriano-iracheno". “Le azioni dei terroristi a Mosul sono costantemente monitorate ed i dati sono raccolti dai nostri siti”, dichiarava il Generale Valerij Grasimov, Capo di Stato Maggiore dell'Esercito russo. “Unità da ricognizione notturna del nostro esercito sono già schierati a Mosul e una dozzina di droni e aerei da ricognizione attualmente raccolgono le informazioni in Iraq”. Il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov dichiarava la disponibilità di Mosca ad inviare rinforzi in Iraq per rintracciare i terroristi e bloccarne l'infiltrazione in Siria. Riguardo ciò, l'analista Hassan Hani Zadah indicava che il piano per liberare Mosul, "era pronto da un mese, ma le forze irachene incontravano l'opposizione degli statunitensi che chiedevano l'evacuazione dei terroristi da Mosul a Raqqa! Mosul è il centro di transito per la Siria e i russi intendono colpirvi i terroristi. La Russia sembra agire in piena coordinazione con le forze popolari irachene nell'aspra battaglia che si svolge a Mosul".
Nel frattempo, su un altro fronte dell'Arco della Resistenza, l'Egitto, si registrano movimenti interessanti. Il direttore dei servizi di sicurezza siriani, Generale Ali Mamluq, visitava Cairo il 16 ottobre, incontrando il Generale Qalid Fuzi, Vicecapo della Sicurezza Nazionale dell'Egitto, per discutere "sul coordinamento delle posizioni politiche tra Siria e Egitto, nonché del rafforzamento della cooperazione nella lotta al terrorismo nei due Paesi". La visita avveniva due settimane dopo il voto alle Nazioni Unite dell'Egitto a favore della risoluzione russa sulla Siria, provocando le ire dell'Arabia Saudita. La risoluzione chiedeva la cessazione delle ostilità in Siria. Nel discorso a un forum delle Forze Armate, il Presidente egiziano Abdalfatah al-Sisi affermava che l'Egitto segue una politica indipendente sulla questione siriana, sottolineando la necessità di rispettare la volontà del popolo siriano, di disarmare i gruppi estremisti e di ricostruire la Siria. E commentando la decisione dei sauditi di sospendere le forniture di petrolio all'Egitto, al-Sisi affermava "L'Egitto si prostrerà a Dio. Non abbiamo alcun problema ad affrontare qualsiasi sfida, finché gli egiziani hanno un cuore... l'indipendenza è onore, nobiltà ed etica. Chi vuole la libertà subisce pressioni".
Già il 23 settembre, il Ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif incontrava l'omologo egiziano Samah Shuqry a margine dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York. Sulla crisi siriana Shuqry sottolineava le differenze tra Arabia Saudita ed Egitto: "I combattimenti della coalizione in Siria possono decidere il cambio del regime nel Paese, ma non è la posizione dell'Egitto". In seguito si ebbe un incontro tra il nuovo capo della sezione degli interessi egiziani a Teheran Yasir Uthman, e Hossein Amir-Abdollahian, direttore generale per gli affari internazionali del Parlamento iraniano, già Viceministro degli Esteri per gli affari arabi e africani. Abdollahian espresse l'entusiasmo dell'Iran a una cooperazione con l'Egitto sulle questioni regionali, come la crisi siriana, "Iran ed Egitto sono Paesi importanti e influenti che possono avere un ruolo costruttivo nel diminuire le tensioni regionali tramite la cooperazione". Uthman esprimeva la speranza che la cooperazione con gli "amici iraniani" colmasse il divario tra i due Paesi, "L'avanzare dei negoziati e delle consultazioni tra i funzionari dei due Paesi migliorerà la situazione della regione".imagesRiferimenti:

sitoaurora | ottobre 20, 2016 alle 12:22 | Etichette: Abdel Fatah al-Sisi, Admiral Kuznetsov, aerei militari, aeronautica militare russa, aeronautica militare siriana, Aleppo, anti-egemonia, anti-egemonismo, anti-terrorismo, antiatlantismo, anticolonialismo, antimperialismo, antiterrorismo, Arco della Sicurezza, armamenti navali, arsenale tattico, Asia del sud-ovest, Asse della resistenza, asse sciita, aviazione russa, Blocco antiegemonico, blocco eurasiatico, Cairo, controterrorismo, Damasco, Difesa, difesa strategica, diplomazia, egemonismo, Egitto, Esercito Arabo Siriano, esercito siriano, eurasia, Federazione Russa, flotta russa, forze armate egiziane, forze armate russe, Forze della Difesa aerospaziale russa, geo-influenza, geoinfluenza, Geopolitica, Geostrategia, Gladio, Gladio-B, guerra asimmetrica, guerra d'influenza, guerra d'intelligence, guerra di 4.ta generazione, guerra di liberazione nazionale, guerra di resistenza, guerra per procura, Hamadan, Humaymim, Imperialismo, intelligence militare, intelligence russa, Iran, Iran-Iraq-Siria, Kamov Ka-52K, Marina Militare Russa, marina russa, Mashreq, Medio oriente, medioriente, Mediterraneo, Mikojan MiG-29K, missili, missioni segrete, Mondo Multipolare, Mosca, multipolarismo, NATO, navi da guerra, Nuovo ordine mondiale, OCS, operazioni belliche, operazioni coperte, operazioni speciali, organizzazioni terroristiche, Politica della difesa, politica della sicurezza, politica industriale, politica internazionale, politica regionale, relazioni estere, relazioni internazionali, Repubblica araba di Siria, Repubblica Araba Siriana, Russia, Russian Technologies, RVVS, servizi di sicurezza, sfera d'influenza, Siria, sistema internazionale, Sottomarini, sovranismo, sovranità, special operation, special operations, Stati Uniti, strategia, SVP-24, tattica, tattiche, terrorismo, terrorismo di Stato, terroristi, velivoli da combattimento, velivoli da guerra, vicino oriente, VKS, VMF | Categorie: Difesa, Eurasia, Geopolitica | URL: http://wp.me/p1qi5U-6Fz   

=================
Bambino-miracolo: dopo 14 coltellate ed essere stato sepolto vivo dalla madre è sopravvissuto!
Un gesto di crudeltà che supera tutti i limiti del terrore viene vinto da un miracolo che supera tutti i limiti del credibile
Aleteia
18 ottobre 2016   
Bambino-miracolo: dopo 14 coltellate ed essere stato sepolto vivo dalla madre è sopravvissuto!
    È molto difficile capire come l’arrivo di un bambino possa non essere motivo di gioia ed emozione estreme per i suoi genitori. Il mistero del rifiuto di un figlio si ripete tuttavia ogni giorno nel mondo, spesso in modo terrificante.
È il caso del piccolo Aidin, che oggi ha 7 mesi e la cui storia straordinaria ha sconvolto di recente Internet.
Pochi giorni dopo la sua nascita, in Thailandia, è stato sepolto vivo dopo essere stato accoltellato ben 14 volte, in un gesto di crudeltà che supera tutti i limiti immaginabili del terrore.
Il piccolo è stato trovato vivo da Kachit Krongyut, un agricoltore che ha visto il suo piedino uscire da terra sotto un eucalipto. Kachit ha sentito il pianto del piccolo e ha capito l’assurdità a cui stava assistendo: aveva appena trovato un bambino sepolto vivo.
aidan-eucalipto
“All’inizio ho pensato che qualcuno avesse seppellito un animale domestico ancora vivo, ma all’improvviso ho visto un piede. Ho cercato di controllarmi per chiedere aiuto, ma il bambino era stato sepolto con il visetto rivolto verso il basso. È stato tremendo”, ha riferito Kachit, che ha scavato con le mani per salvare l’improbabile sopravvissuto e lo ha portato all’ospedale locale.
LEGGI ANCHE: La mamma muore durante il parto… ma poi accade un miracolo sorprendente. I medici hanno spiegato che la pressione del terreno contro il corpo fragile di Aidin ha impedito che morisse dissanguato.
“Ancora qualche ora e non sarebbe sopravvissuto. Siamo molto felici che abbia trovato una famiglia amorevole. Farà del bene sulla terra, ne siamo certi”, ha commentato l’agricoltore.
Ma chi ha commesso una barbarie così estrema?
Le tracce lasciate sul luogo del crimine hanno portato la Polizia a scoprire la criminale: la madre di Aidin.
Ha 42 anni, e in base alle valutazioni dei medici potrebbe aver abusato del bambino prima di provare a ucciderlo.
I difensori dell’aborto affermano che lo ha fatto perché in Thailandia l’aborto è illegale.
http://it.aleteia.org/2016/10/18/bambino-miracolo-coltellate-sepolto-vivo-madre-sopravvissuto/
=============

Israel Night at the 2016 Feast of Tabernacles
The fourth evening of the Feast of Tabernacles was again abundant in powerful performances, dancing, and videos on Christian love and support for Israel and the Jewish people.  ICEJ celebrated their partnership with the Haifa Home for Holocaust survivors with a touching performance by 12 survivors dressed in white on stage with a popular Israeli singer, Ilana Avital.
Read more
NEWS BRIEFS
ICEJ Feast Pilgrims Enjoy Bus Tours
The 2016 Feast of Tabernacles included many opportunities for pilgrims to get to know the Land and People of Israel better, including bus tours to several sites of great significance to Israel’s history, from Biblical to modern times.
Read more
Russia Taking Bold Steps in the Middle East
NATO observers are noting with alarm that a Russian flotilla, including an aircraft carrier carrying strike aircraft and headed for the eastern Mediterranean, apparently meant to be part of a massive strike on Aleppo in Syria. "They are deploying all of the Northern fleet and much of the Baltic fleet in the largest surface deployment since the end of the Cold War," a NATO diplomat said on condition of anonymity. "This is not a friendly port call. In two weeks, we will see a crescendo of air attacks on Aleppo as part of Russia's strategy to declare victory there."
Rivlin Holds ‘Open House’ at President’s Residence
Israeli President Reuven Rivlin held the traditional “open house” Sukka at the President’s residence in Jerusalem on Wednesday, shaking hands and greetings hundreds of ordinary Israeli citizens. During his brief remarks to the crowd, he wished them all a joyous Succot holiday and blessings in the upcoming season.
FEAST LIVE
Live Stream of the Feast of Tabernacles
The ICEJ's 2016 Feast of Tabernacles continues LIVE tonight at 8:30pm Israel time from Jerusalem. If you are unable to tune in for the live feed, please note that there will be a loop running for 24 hours so you can partake of this wonderful celebration.
Watch now
GET INVOLVED
Send a Feast Offering
Even if you can’t be in Jerusalem personally, the Feast of Tabernacles is still a special opportunity to bless Israel. Prophetically join the nations gathered in Jerusalem by making a special offering before the Lord.
Send offering
Send a Prayer Request
Prayer will play a crucial part during this year's Feast. You are invited to send us your prayer requests to be brought before the Lord at the concluding prayer vigil.
Send request
Feast Videos and Photos
Check out all the videos and photos from previous Feasts and get a taste of the wonderful blessing experienced in God's presence during the celebration.

======
tempted when they are dragged away by their own evil desire and enticed. Then, after desire has conceived, it gives birth to sin; and sin, when it is full-grown, gives birth to death.
(James 1:14-15) COMPROMISED BY DECEIT

One of the touristic highlights of visiting China is to walk on the Great Wall. Six thousand kilometres of wall with ten thousand strategically placed towers stretch across the north of China, reportedly the only man-made object observable from space. Construction of various sections began back in 770 B.C. when rival feudal kingdoms built walls around their territories to keep out invading nomadic tribes from the north. These were eventually joined into one wall. The wall averages eight to ten meters in height and five meters wide.

When you walk on the wall, two history lessons make the visit somewhat sombre. First, the wall was built at great cost. Prisoners of war, convicts, soldiers, civilians and farmers provided the labour. Some estimates say “millions died for this cause”. Their bodies were buried in the very foundations of the wall or used to make up its thickness. You walk on top of a cemetery.

The second lesson is that the wall was reportedly breached by Mongol soldiers disguised as peasants pretending to be gathering firewood and leaving behind pieces of fruit when they left the area. The guards decided to go out and retrieve the tempting fruit. This was repeated over time. Eventually the guards were compromised and overpowered and the Mongol army streamed through that tower thereby breaching the Great Wall. So after all the effort to build such an amazing structure for protection, it was rendered useless through simple deceit.

One of Satan’s favourite tactics against believers is deceit. Here’s an example from China. Brother Chen arrived one spring day in 1996 at a small rural Chinese house church group. Some said he was “sent straight from God.” He said so too. He said he had known Wang Ming Dao and he spoke with a loud booming voice. His large eyes held their attention closely, and his whole body shook with vigour at the points he was making. The believers were just so impressed with the way he talked. He quoted lots of Scripture and wove it into a thrilling story.

After a few months, he began to talk about heaven being a city of gold, and that to enter that city they would have to demonstrate that they had given Jesus their gold in their lifetime. Brother Chen said, “Jesus needs your gold to build your mansion in heaven and the more gold you give him now, the bigger your mansion will be.”

Because they were poor, the idea of having a golden mansion in the afterlife was very tempting. They handed over all they owned: family heirlooms, money, some expensive textiles from a distant ancestor. One in the group even gave his motorcycle.

After all the “gold” had been collected, Brother Chen said he had to go and “open the gate of Heaven for them.” He left, on the donated motorcycle. He took most of their savings and he hasn’t been back.

RESPONSE:

Be aware today of Satan’s subtle tactics of deceit and intimidation.

PRAYER:

Pray for new house church believers in China who are easily deceived by false prophets.
==================
=======

Rivelazione di Wikileaks: 1/3 ] lo staff: Hillary 666 Clinton: Satana FMI, SpA, Hollande Merkel, RENZI, OBAMA, Rothschild SPA FED NWO ha fomentato ‘infiltrazioni’ nella Chiesa cattolica. e il Regime Bildenberg fomenta la galassia jihadista in Siria: Certo, loro finiranno tutti condannati a morte: da un tribunale popolare! L'obiettivo era far sorgere una “primavera cattolica”, insinuando nella Chiesa idee progressiste rivoluzionarie fino a farla implodere. 17 ottobre 2016. Rivelazione di Wikileaks: lo staff della Clinton ha fomentato ‘infiltrazioni’ nella Chiesa cattolica
John Podesta © Flickr/ Center for american progress action fund. La terza parte delle lettere diffuse qualche giorno fa da Wikileaks contiene delle sorprese interessanti. La fuga di notizie riguarda principalmente la cerchia di collaboratori più vicini ad Hillary Clinton, candidata democratica alla presidenza degli Stati Uniti. Sia il team responsabile della campagna elettorale del candidato repubblicano Donald Trump, sia diversi media della stampa anglosassone, hanno fatto largo uso del contenuto del leak. In molti paesi c’è stato silenzio assoluto, ma negli Stati Uniti è scoppiato il finimondo.
Le e-mail rivelano che il consigliere più stretto della signora Clinton, suo storico collaboratore, ha voluto fomentare una “primavera cattolica” in seno alla Chiesa, insinuando in essa idee progressiste rivoluzionarie fino a farla implodere.
Tra le migliaia di messaggi elettronici divulgati dal team di hackers di Julian Assange, quelli di John Podesta, presidente della campagna elettorale di Hillary Clinton, continuano ad alimentare il fuoco della polemica.
Le indiscrezioni, che non sono state né commentate né tantomeno smentite da parte dei democratici, rivelano la doppia morale della candidata in merito a vari temi, tra cui il controllo delle frontiere o la regolamentazione della finanza.
Come Giano bifronte, all’inizio della campagna Hillary si mostrò determinata su queste tematiche, nascondendo però obiettivi ben molto più liberali. D’altronde è stata lei stessa a dichiarare che “è necessario che i politici abbiano una posizione pubblica e una privata”. Un curioso stravolgimento dei principi democratici statunitensi per giustificare la menzogna. LEGGI ANCHE: Come le elezioni Usa stanno dividendo l’elettorato cristiano
L’obiettivo è la Chiesa, considerata una “dittatura medievale”
In un’e-mail, un attivista di sinistra – nonché braccio destro di Hillary Clinton – parla con disinvoltura di questa “rivoluzione” che desidera fomentare in seno alla Chiesa cattolica.
============================

https://youtu.be/pS0nAWF59Jw PTV news 20 Ottobre 2016 - Siria: Scintille tra Putin, Merkel e Hollande sulla tregua
PTV news 14 Ottobre 2016 - Le bugie dei media occidentali preparano lo scontro in Russia https://youtu.be/iRIFiSKfmBs

  =============================

Rivelazione di Wikileaks: 2/3 ] lo staff: Hillary 666 Clinton: Satana FMI, SpA, Hollande Merkel, RENZI, OBAMA, Rothschild SPA FED NWO ha fomentato ‘infiltrazioni’ nella Chiesa cattolica. e il Regime Bildenberg fomenta la galassia jihadista in Siria: Certo, loro finiranno tutti condannati a morte: da un tribunale popolare! L'obiettivo era far sorgere una “primavera cattolica”, insinuando nella Chiesa idee progressiste rivoluzionarie fino a farla implodere. 17 ottobre 2016. Rivelazione di Wikileaks: lo staff della Clinton ha fomentato ‘infiltrazioni’ nella Chiesa cattolica
La frase con cui inizia la mail inviata a John Podesta non lascia dubbi: “L’inizio di una primavera cattolica? Una necessità”.
Il testo è a firma di Sandy Newman, presidente e fondatore dell’organizzazione no-profit (di stampo progressista) Voices for Progress, ex-dipendente e amico intimo del presidente Obama.
“C’è bisogno di una Primavera Cattolica”, scrive Newman, “in cui gli stessi cattolici reclamino la fine di quella che è una dittatura medievale, e l’inizio di una piccola democrazia che rispetti l’equità di genere nella Chiesa cattolica.
Sandy Newman, di religione ebraica, ammette di non conoscere granché della Chiesa cattolica e dichiara di reputarsi inadeguato a gestire questa campagna sovversiva contro la dottrina cattolica. “Anche se l’idea in sé non è folle, non mi reputo qualificato a prenderne parte. Non ho pensato affatto a come poter seminare i semi della rivoluzione, né chi potesse farlo”.
John Podesta lo tranquillizza e gli chiede di avere fiducia in lui e nei suoi amici, che hanno creato organizzazioni concepite esplicitamente per infiltrarsi nella Chiesa cattolica con le loro ideologie progressiste. Ma lo avverte che non è ancora arrivato il momento adatto ad una rivoluzione totale.
“Abbiamo creato Catholics in Alliance for the Common Good per essere pronti ad un evento del genere. Ma penso che non abbia, al momento, la leadership adatta. Come altre primavere, penso che anche questa debba muoversi dal basso verso l’alto”, scrive Podesta.
http://it.aleteia.org/2016/10/17/rivelazione-wikileaks-clinton-rivoluzione-chiesa-cattolica/
Rivelazione di Wikileaks: lo staff della Clinton ha fomentato ‘infiltrazioni’ nella Chiesa cattolica
L'obiettivo era far sorgere una “primavera cattolica”, insinuando nella Chiesa idee progressiste rivoluzionarie fino a farla implodere
  ============================

https://youtu.be/pS0nAWF59Jw PTV news 20 Ottobre 2016 - Siria: Scintille tra Putin, Merkel e Hollande sulla tregua
PTV news 14 Ottobre 2016 - Le bugie dei media occidentali preparano lo scontro in Russia https://youtu.be/iRIFiSKfmBs

  =============================

Rivelazione di Wikileaks: 3/3 ] lo staff: Hillary 666 Clinton: Satana FMI, SpA, Hollande Merkel, RENZI, OBAMA, Rothschild SPA FED NWO ha fomentato ‘infiltrazioni’ nella Chiesa cattolica. e il Regime Bildenberg fomenta la galassia jihadista in Siria: Certo, loro finiranno tutti condannati a morte: da un tribunale popolare! L'obiettivo era far sorgere una “primavera cattolica”, insinuando nella Chiesa idee progressiste rivoluzionarie fino a farla implodere. 17 ottobre 2016. Rivelazione di Wikileaks: lo staff della Clinton ha fomentato ‘infiltrazioni’ nella Chiesa cattolica. 17 ottobre 2016. Rivelazione di Wikileaks: lo staff della Clinton ha fomentato ‘infiltrazioni’ nella Chiesa cattolica. John Podesta © Flickr/ Center for american progress action fund. I cattolici trattati come dei paria. La conversazione mostra inoltre in modo chiaro il disprezzo che i progressisti radicali nutrono verso i cattolici e la Chiesa. Lo scorso lunedì WikiLeaks ha pubblicato diverse e-mail che mostrano il modo in cui, tra le fila democratiche, vengono presi in giro i cattolici conservatori.
Nel 2011 John Halpin (senior fellow del “Center for American Progress”, un think-tank democratico) inviò a Podesta un-email particolarmente violenta contro l’allora capo della Fox-News, denigrando la sua fede cattolica: “È una vera bastardizzazione della fede”.
In una conversazione con Podesta e Jennifer Palmieri, John Halpin si lascia andare ad un’invettiva contro i cattolici estremamente offensiva. “Ragionano in modo schematico, hanno idee radicalmente retrograde sulle relazioni di genere e ignorano totalmente il concetto di cristianesimo democratico”. E Jennifer Palmieri, responsabile della comunicazione della campagna elettorale, conferma: “Se dovessero diventare evangelici, i loro amici ricchi potrebbero non comprenderlo”. Ed Halpin si dice d’accordo: “Hai ragione da vendere. Si riempiono la bocca col pensiero tomista e col principio di sussidiarietà, dandosi un’aria sofisticata perché nessuno sa di cosa cavolo stiano parlando”.
Un insulto contro milioni di persone. Il presidente della Camera dei Rappresentanti Paul Ryan, repubblicano eletto nel Wisconsin, ha condannato questi commenti senza precedenti. “Disprezzare la Chiesa cattolica accusandola di essere ‘gravemente retrograda’ è un insulto a milioni di persone in tutto il paese”, ha dichiarato il repubblicano, devoto cattolico, in un comunicato al vetriolo. “In ogni caso queste dichiarazioni rivelano l’approccio ostile della campagna di Clinton verso la gente di fede in generale”.“Tutti gli statunitensi credenti dovrebbero considerare a fondo queste dichiarazioni e decidere se questi siano i valori che vogliamo che rappresenti il nostro prossimo presidente. Se Hillary Clinton continua ad assumere persone intolleranti e con pregiudizi, è chiaro quali siano le sue priorità”, ha aggiunto Ryan.
Il cavallo di Troia della rivoluzione
L’organizzazione Catholics in Alliance for the Common Good (CACG) fu fondata da Tom Periello nel 2005. Del suo consiglio di amministrazione fa parte anche Fred Rotondaro. Entrambi sono colleghi del Center for American Progress, fondato da… John Podesta.
Rotondaro appoggia l’ordinazione delle donne e afferma che il “sesso gay viene da Dio”.
Catholics United nacque nel 2005 per mano di due attivisti democratici: Chris Korzen e James Salt. L’organizzazione ha criticato i vescovi che si sono rifiutati di dare la comunione ai politici a favore dell’aborto. L’organizzazione denuncia su base regolare “il tentativo vergognoso di usare i Sacramenti cattolici come armi politiche”.
============================

https://youtu.be/pS0nAWF59Jw PTV news 20 Ottobre 2016 - Siria: Scintille tra Putin, Merkel e Hollande sulla tregua
PTV news 14 Ottobre 2016 - Le bugie dei media occidentali preparano lo scontro in Russia https://youtu.be/iRIFiSKfmBs

  =============================
     
La vergogna Unesco e l'Italia
Lettera aperta al capo dello Stato
In una lettera aperta pubblicata sulla prima pagina de La Stampa la presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni si rivolge al capo dello Stato Sergio Mattarella a pochi giorni dalla sua visita in Israele. Il tema è il recente voto della vergogna all'Unesco che (con l'astensione dell'Italia) ha riscritto millenni di storia ebraica. "Diverse - scrive Di Segni - le civiltà del passato che hanno violato e distrutto il nostro Tempio. Diverse le ragioni che nei secoli hanno fatto percorrere ai pellegrini la lunga distanza dai remoti luoghi di provenienza. Come non comprendere che oggi gruppi estremisti e aggregazioni di ogni genere, che di civile nulla detengono, cercano la distruzione e l’annientamento? Come accettare che l’Unesco, agenzia preposta allo sviluppo della cultura, si esprima in tal modo? Per ben due volte, a distanza di pochi giorni, nonostante chiari segnali d’allarme, il rappresentante italiano ha scelto attraverso l’astensione di rimanere in silenzio. Un silenzio che dimentica le raffigurazioni riportate sull’Arco di Tito. Un silenzio assordante. Un silenzio che concorre ad un negazionismo contro il quale oggi tutti alziamo la voce".
"Illustre Presidente - sottolinea Di Segni nella conclusione del suo intervento - le scrivo perché gli ebrei italiani restano fiduciosi che dall’alto del suo prestigio il Quirinale possa risvegliare un orientamento di saggezza ed equilibrio, l’unico che possa rappresentare i sentimenti di tutte le identità e di tutti i cittadini, e affermare i nostri più importanti valori costituzionali. Non abbiamo altro da chiedere che tenere in alto l’onore dell’Italia e garantire al nostro Paese un ruolo da protagonista nell’immenso lavoro di costruzione della pace che ci deve vedere tutti impegnati".

"Quel voto è sbagliato". Molte le voci a levarsi ancora contro il voto Unesco. Scrive su Avvenire il vescovo Ambrogio Spreafico, presidente della Commissione per l'ecumenismo e il dialogo interreligioso della Cei: "Ebrei, cristiani e musulmani hanno oggi la responsabilità di condividere i luoghi così santi di Gerusalemme, perché siano portatori di pace per il mondo intero. Se Gerusalemme resta 'città della pace', rendiamola tale con l'incontro e il dialogo, al di là delle pur legittime rivendicazioni di ognuno".
Il Corriere del Veneto registra tra gli altri l'intervento del rabbino capo di Venezia Scialom Bahbout, che ha inviato ieri un messaggio ai rappresentanti del partito popolare europeo riuniti in Laguna per un incontro. Il quotidiano Il Foglio pubblica oggi la traduzione in italiano (a cura dell'Associazione Progetto Dreyfus) del recente intervento del premier israeliano Benjamin Netanyahu alle Nazioni Unite. "Il pregiudizio ossessivo contro Israele - spiegava Bibi in quella circostanza, davanti all'assemblea - non è solo un problema per il mio paese, è un problema per i vostri paesi".
Il Giornale racconta invece la storia dei soldati musulmani "che giurano fedeltà a Israele e combattono gli islamisti".

Il Tempo: "Il saluto romano è solo memoria". Sul Tempo, inquietante editoriale in prima pagina sulla sentenza della Corte d'Appello di Milano che ha prosciolto due militanti di Casapound che avevano fatto il saluto romano in occasione di una recente commemorazione.
"Se è consentito il pugno chiuso - si legge - giusto sia lecito anche il braccio teso. Oddio, che poi tanta parità non è, visto che dietro il pugno chiuso si celano ancora tanti sfasciavetrine e appassionati di sampietrini. Mentre il saluto romano è solo memoria e in qualche caso esibizionismo. Se qualcuno l'ha capito, comunque, è già tanto".

Lettere. Sul Corriere Sette, Stefano Jesurum ospita oggi una lettera dell'anglista Dario Calimani. "Ci stiamo abituando a sentir dire che ogni massacro è una Shoah, che ogni crimine in giro per il mondo è nazismo, che ogni annegamento di migranti è un genocidio. La ricerca di analogie fra le tragedie del presente e quelle del passato sono forse una spia della nostra incapacità di guardare in faccia la realtà com'è. Tutto è relazione. Eppure, l'annegamento di un migrante è una tragedia anche se non si cercano paragoni o metafore; anzi - sostiene Calimani - la metafora lo spersonalizza, ne banalizza la storia e la appiattisce".

Adam Smulevich twitter @asmulevichmoked
=============================




Leggi questa email nel tuo browser













































venerdì 21 ottobre 2016













































Gelsomino Del Guercio




Donna incinta che muore con i gemellini: perché non è un caso di obiezione di coscienza






















Se un medico prova a salvare la vita di una mamma, può indurre anche all'aborto, in casi estremi, di uno dei feti






















Continua a leggere
























Incrível




12 segreti per un rapporto felice






















Da leggere e condividere con la persona che amate






















Continua a leggere



























Gelsomino Del Guercio




Vostro figlio ha tra 1 e 3 anni? Vi diamo 6 consigli per educarlo correttamente






















Dal saperlo accudire all'accrescimento dell'autostima. Mai sottovalutare i gesti del piccolo






















Continua a leggere



























Aleteia




La toccante lettera di un giovane vedovo allo staff medico che si è preso cura della moglie






















Questa lettera è stata appesa nell'unità di terapia intensiva del CHA Cambridge Hospital, a testimoniare l'impegno del team nel preservare la dignità umana






















Continua a leggere





















Lucandrea Massaro




Natalità? Molte chiacchiere, pochi fatti




Di fronte al calo drammatico delle nascite i media laici …




======================




Dal Mondo

La gioia dei primi cristiani iracheni liberati (VIDEO)







20 ottobre 2016





































































allegria dei cristiani liberati dalla tirannia dell’autoproclamatosi Stato Islamico è contagiosa, come dimostrano le immagini di questo video.




Sono i cristiani del villaggio di Qaraqosh, a sud di Mosul, rimasti intrappolati nel terrore jihadista dal giugno 2014, quando la città cadde sotto il loro dominio.




Sono stati accolti dai loro fratelli cristiani a Erbil, capitale della regione autonoma del Kurdistan iracheno, e hanno festeggiato con canti e danze – tipiche dell’allegria irachena – nella chiesa di Mar Shimon (San Simone).




Hanno lasciato Qaraqosh grazie all’operazione militare delle forze armate irachene, che in questi giorni hanno combattuto per la liberazione di Mosul.




Il video è stato diffuso dall’agenzia italiana Askanews.




[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]



























Jesús Colina




La gioia dei primi cristiani iracheni liberati (VIDEO)

































Gelsomino Del Guercio




Non fu Gesù ad inventare le parabole. Ecco perché…






















Il Messia riprende uno stile già in uso nella tradizione ebraica. Come sostiene il biblista John Meier













































Katrina Fernandez




Sì, il Rosario è una preghiera completamente biblica






















Sull'idea diffusa – errata - che molti hanno del Rosario e della devozione dei cattolici a Maria













































Miguel Pastorino




Chi uccise Galileo Galilei?






















In realtà è morto nel suo letto, non è mai stato in prigione e non è mai stato torturato per le sue teorie













































John Burger




Il miracolo che ha confermato la santità di José Sánchez del Río






















La mamma di una bambina strappata alla morte otto anni fa si sente benedetta per il fatto di far parte della storia di …













































Catholic Link




La differenza tra compassione e carità, spiegata (bene) da questo video






















































don Fabrizio Centofanti




Sei veramente disposto a farti plasmare dall’azione di Gesù?






















































LaFamilia.info




6 consigli per i genitori separati, per il bene dei figli






















I comportamenti che andrebbero evitati affinché i figli soffrano il meno possibile








Corrispondenza romana n. 1461 del 19 ottobre 2016


Ma a quale chiesa appartiene papa Bergoglio?


(di Roberto de Mattei) Due ricorrenze si sovrappongono nel 2017: i 100 anni delle apparizioni di Fatima, avvenute tra il 13 maggio e il 13 ottobre 1917, e i 500 anni della rivolta di Lutero, iniziata a Wittenberg, in Germania, il 31 ottobre 1517. Ma cadono il prossimo anno anche altri due anniversari, di cui meno si parla: i trecento anni della fondazione ufficiale della massoneria (Londra, 24 giugno 1717) e i cento anni della Rivoluzione russa del 26 ottobre 1917 (…[ leggi tutto ]



Bufera all’Istituto Giovanni Paolo II


(di Mauro Faverzani) Mancano ormai pochi giorni al varo ufficiale del nuovo anno accademico presso il Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per gli Studi sul Matrimonio e la Famiglia: la data fissata è quella del 27 ottobre. Un Istituto, però, che si presenta con un volto profondamente mutato rispetto a quello conosciuto fino a qualche tempo fa. (altro…) Bufera all’Istituto Giovanni Paolo II was last modified: ottobre 19th, 2016 by redazione…[ leggi tutto ]



Si allarga l’omicidio di massa in Olanda


(di Tommaso Scandroglio) Edit Schippers e Ard van de Steur, rispettivamente ministri olandesi della Salute e della Giustizia, hanno inviato una missiva al Parlamento facendo sapere che hanno intenzione di redigere un nuovo disegno di legge sull’eutanasia che potrebbe vedere la luce entro la fine del 2017. (altro…) Si allarga l’omicidio di massa in Olanda was last modified: ottobre 19th, 2016 by redazione…[ leggi tutto ]



I santi sono gli interpreti autentici del Vangelo


(di Cristina Siccardi) Il 16 ottobre scorso sono stati canonizzati da Papa Francesco (insieme al martire José Sánchez del Río, a don José Gabriel del Rosario Brochero, al Vescovo Manuel González García, a don Lodovico Pavoni, a don Alfonso Maria Fusco) due francesi: fratel Salomone (Guillaume-Nicolas-Louis) Leclerq (1745-1792), primo santo martire della Rivoluzione francese, e suor Elisabetta (Elisabeth Catez) della Santissima Trinità (1880-1906). (altro&hell…[ leggi tutto ]



Professio Fidei Tridentina


Il 31 ottobre 1517 segnò l’inizio della rivoluzione protestante con l’assione delle tesi di Martin Lutero a Wittenberg. Nel V centenario che si apre, ricordiamo la Professione di Fede antiluterana promulgata da papa Pio IV nel 1564 a conclusione del Concilio di Trento. (altro…) Professio Fidei Tridentina was last modified: ottobre 19th, 2016 by redazione…[ leggi tutto ]







Notizie brevi

13/10/2016
Olanda, “becchino” d’Europa: ora l’eutanasia anche per i sani?

12/10/2016
Aborto: forti pressioni dell’Onu sulla Repubblica Dominicana

12/10/2016
Il Vescovo di Anversa ‘benedice’ gay, fornicatori e adulteri

29/09/2016
Lo Zdk invita i cattolici tedeschi ad andare in moschea



Notizie dalla rete

18/10/2016
In Salento è boom di sifilide e Aids. Tra le cause il dilagare dei rapporti omosessuali.

15/10/2016
Il bollettino dell’arcidiocesi di Vienna sdogana la “famiglia” omosessuale

14/10/2016
Chiusavecchia: gesto sacrilego, distrutta statua della Madonna

13/10/2016
Un altro crocifisso distrutto a mazzate: solo follia?

12/10/2016
Il vescovo di Sulmona-Valva ultima vittima del “gender diktat”

11/10/2016
“Bruciate la Cattedrale”: così il femminismo in Argentina

10/10/2016
Francia: tombe e salme profanate, terzo caso in pochi giorni

10/10/2016
Usa: solo il 2,7% dei rifugiati autorizzati è cristiano